1. GLOSSARIO

1.1 Reazione Avversa da Farmaci (ADR)
Durante la sperimentazione clinica di un nuovo prodotto medicinale prima della sua approvazione, oppure nel caso di suoi nuovi utilizzi, proprio perche non e possibile stabilirne il dosaggio terapeutico: tutte le risposte nocive e non volute ad un prodotto medicinale correlate ad un qualsiasi dosaggio devono essere considerate reazioni avverse da farmaci. Per ‘risposte ad un prodotto medicinale’ si intende che vi sia almeno una possibilita ragionevole di una correlazione causale tra un prodotto medicinale e un evento avverso, cioe che tale correlazione non possa essere esclusa. Per quanto riguarda i prodotti medicinali gia in commercio: una risposta ad un farmaco che sia nociva e non voluta e che si verifichi ai dosaggi normalmente impiegati nell’uomo per la profilassi, la diagnosi, o per la terapia di malattie, oppure per modificare funzioni fisiologiche.

1.2 Evento Avverso (AE)
Qualsiasi episodio sfavorevole di natura medica che si verifichi in un paziente o in un soggetto partecipante in una sperimentazione clinica al quale sia stato somministrato un prodotto farmaceutico e che non deve avere necessariamente una relazione causale con tale trattamento. Un evento avverso (AE) puo quindi essere un qualsiasi segno (compreso un risultato anomalo di laboratorio), sfavorevole o non voluto, sintomo oppure una malattia associata all’impiego del prodotto medicinale (in sperimentazione) per coincidenza temporale, sia essa correlata o meno al prodotto medicinale (in sperimentazione).

1.3 Emendamento (al protocollo)
Vedi Protocollo (Emendamento al).

1.4 Disposizioni Normative Applicabili
Qualsiasi legge e regolamento che si riferisca alla effettuazione di studi clinici su prodotti in sperimentazione.

1.5 Approvazione (riferita alla Commissione di Revisione dell’Istituzione)
Approvazione dell’IRB secondo la quale lo studio clinico e stato esaminato e puo essere effettuato in un centro dell’istituzione nel rispetto delle limitazioni indicate dall’IRB, dall’istituzione, dalla Buona Pratica Clinica (GCP) e dalle disposizioni normative applicabili.

1.6 Verifica
Un controllo sistematico ed indipendente delle attivita e dei documenti pertinenti allo studio per determinare se siano state espletate le attivita relative allo studio, e se i dati siano stati registrati, analizzati e accuratamente trasmessi in conformita al protocollo, alle Procedure Operative Standard dello sponsor (Standard Operating Procedures, SOPs), alla Buona Pratica Clinica (GCP) e alle disposizioni normative applicabili.

1.7 Certificato di Verifica
Dichiarazione rilasciata dal responsabile della verifica che conferma l’avvenuta verifica.

1.8 Rapporto di Verifica
Una valutazione scritta rilasciata dall’addetto alla verifica dello sponsor dei risultati della verifica.

1.9 Percorso di verifica
Documentazione che permette di ricostruire il corso dei fatti.

1.10 Occultamento/Mascheramento
Una procedura in base alla quale una o piu parti coinvolte nello studio vengono tenute all’oscuro di quale sia il trattamento assegnato. La modalita in “singolo cieco” solitamente prevede che l’assegnazione del trattamento non sia nota al/i soggetto/i, mentre quella in doppio cieco di solito prevede che l’assegnazione del trattamento non sia noto a soggetto/i, sperimentatore/i, addetti al monitoraggio, e, in alcuni casi, anche a coloro che analizzano i dati.

1.11 Scheda Raccolta Dati (CRF)
Un documento su supporto cartaceo, ottico, oppure elettronico progettato per registrare tutte le informazioni richieste dal protocollo che devono essere riferite allo sponsor relativamente a ciascun partecipante allo studio.

1.12 Sperimentazione Clinica/Studio
Ogni sperimentazione su soggetti umani intesa ad identificare o verificare gli effetti clinici, farmacologici e/o altri effetti farmacodinamici di un prodotto/i in sperimentazione; e/o identificare ogni reazione avversa ad un prodotto/i in sperimentazione; e/o studiare l’assorbimento, la distribuzione, il metabolismo ed l’eliminazione di un prodotto/i in sperimentazione con l’obiettivo di valutarne sicurezza e/o efficacia. I termini ‘sperimentazione clinica’ e ‘studio clinico’ sono sinonimi.

1.13 Rapporto su Sperimentazione Clinica/Studio
Una descrizione scritta di una sperimentazione/studio di qualsiasi agente terapeutico, profilattico o diagnostico condotto su soggetti umani, nella quale i dati clinici e statistici sono descritti, presentati ed analizzati in modo da essere pienamente integrati in un unico rapporto.

1.14 Prodotto di Confronto
Prodotto in sperimentazione o gia presente sul mercato (cioe, controllo attivo), oppure placebo, utilizzati come riferimento in uno studio clinico.

1.15 Conformita (in relazione agli studi)
Aderenza a tutti i requisiti relativi allo studio, alla GCP e alle disposizioni normative applicabili.

1.16 Confidenzialita
Evitare la divulgazione, se non a persone autorizzate, di informazioni di proprieta dello sponsor o riguardanti l’identita del soggetto.

1.17 Contratto
Accordo scritto, datato e sottoscritto tra due o piu parti nel quale vengono definiti la distribuzione delle mansioni e degli obblighi con le eventuali deleghe e, se del caso, gli aspetti finanziari. Il protocollo puo fungere da base per il contratto.

1.18 Comitato di Coordinamento
Un comitato che lo sponsor puo istituire per coordinare l’espletamento di uno studio multicentrico.

1.19 Sperimentatore Coordinatore
Uno sperimentatore a cui viene attribuita la responsabilita del coordinamento degli sperimentatori nei diversi centri che partecipano ad uno studio multicentrico.

1.20 Organizzazione di Ricerca a Contratto (CRO)
Una persona o un’organizzazione (commerciale, accademica, o di altro tipo) con cui lo sponsor ha stipulato un contratto per assolvere ad una o piu mansioni e funzioni dello sponsor relative allo studio.

1.21 Accesso Diretto
Autorizzazione ad esaminare, analizzare, verificare e riprodurre qualsiasi registrazione e relazione rilevanti per la valutazione di uno studio clinico. Coloro (per esempio autorita regolatorie nazionali ed estere, responsabili del monitoraggio e della verifica) che hanno accesso diretto a tale documentazione devono prendere ogni ragionevole precauzione per mantenere riservata l’identita dei soggetti e le informazioni di proprieta dello sponsor, nel rispetto delle disposizioni normative applicabili.

1.22 Documentazione
Tutti i documenti, in qualsiasi forma (compresi, tra gli altri, registrazioni scritte, elettroniche, magnetiche e ottiche, scansioni, radiografie ed elettrocardiogrammi), che descrivono o registrano metodi, conduzione, e/o risultati di uno studio, i fattori che incidono su di uno studio e le azioni intraprese.

1.23 Documenti essenziali
Documenti che singolarmente o nel loro insieme consentono di valutare la conduzione di uno studio e la qualita dei dati prodotti.

1.24 Buona Pratica Clinica (GCP)
Uno standard a cui fare riferimento per la progettazione, la conduzione, l’esecuzione, il monitoraggio, la verifica, la registrazione, le analisi ed i rapporti relativi agli studi clinici, che garantisce che i dati ed i risultati riportati siano attendibili ed accurati, e che siano salvaguardati i diritti, l’integrita e la riservatezza dei soggetti partecipanti allo studio.

1.25 Comitato Indipendente per il Monitoraggio dei Dati (IDMC) (Commissione di
Monitoraggio dei Dati e della Sicurezza, Comitato di Monitoraggio, Comitato di Monitoraggio dei Dati) Un comitato indipendente per il monitoraggio dei dati che puo essere istituito dallo sponsor per valutare ad intervalli l’andamento di uno studio clinico, i dati di sicurezza, e gli esiti critici di efficacia, e per indicare allo sponsor l’eventualita di continuare, modificare, oppure interrompere lo studio.

1.26 Testimone Imparziale
Una persona, che sia indipendente dallo studio, che non possa essere influenzata in alcun modo dalle persone coinvolte nello studio, che sia presente alla procedura di ottenimento del consenso informato, se il soggetto o il rappresentante legalmente riconosciuto del soggetto non siano in grado di leggere, e che legga il modulo di consenso informato e tutte le altre informazioni scritte fornite al soggetto.

1.27 Comitato Etico Indipendente (IEC)
Una struttura indipendente (una Commissione o un Comitato di revisione dell’istituzione, regionale, nazionale o sovranazionale), costituita da professionisti medici/scientifici e membri non medici/scientifici con la responsabilita di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti coinvolti in uno studio clinico e di fornire pubblica garanzia di tale protezione. Tale struttura e responsabile, tra l’altro, di effettuare la revisione e di dare l’approvazione/il parere favorevole relativamente al protocollo di studio, alla idoneita del/gli sperimentatore/i, delle strutture, nonche ai metodi ed al materiale da impiegare per ottenere e documentare il consenso informato dei partecipanti allo studio clinico. Lo stato legale, la composizione, la funzione, l’operativita e le disposizioni normative che si riferiscono ai Comitati Etici Indipendenti possono variare da Paese a Paese, ma devono comunque consentire al Comitato Etico Indipendente di agire nel rispetto della GCP descritta in questa linea guida.

1.28 Consenso Informato
Una procedura mediante la quale un soggetto accetta volontariamente di partecipare ad un particolare studio clinico, dopo essere stato informato di tutti gli aspetti dello studio pertinenti alla sua decisione. Il consenso informato e documentato mediante un modulo di consenso informato scritto, firmato e datato.

1.29 Ispezione
L’effettuazione, da parte di una o piu autorita regolatorie, di una revisione ufficiale di documenti, strutture, registrazioni e ogni altra risorsa considerata dall’autorita stessa collegata allo studio clinico; la revisione potra aver luogo nel centro della sperimentazione, presso le strutture dello sponsor e/o della CRO, oppure in qualsiasi altra sede giudicata appropriata dalle autorita regolatorie.

1.30 Istituzione (sanitaria)
Ogni ente o struttura pubblici o privati oppure ambulatori medici o odontoiatrici dove vengono condotti studi clinici.

1.31 Commissione di Revisione dell’Istituzione (IRB)
Una struttura indipendente costituita da medici, nonche da membri scientifici e non-scientifici, responsabili di garantire la tutela dei diritti, della sicurezza e del benessere dei soggetti che prendono parte ad uno studio clinico, attraverso, fra l’altro, l’approvazione e la revisione costante del protocollo dello studio e dei suoi emendamenti, oltre che dei metodi e del materiale da utilizzare per ottenere e documentare il consenso informato dei soggetti coinvolti nello studio.

1.32 Rapporto Intermedio sullo Studio Clinico
Un rapporto sui risultati intermedi e valutazione degli stessi sulla base di analisi effettuate durante il corso dello studio.

1.33 Prodotto in Sperimentazione
Una forma farmaceutica di un principio attivo o placebo che viene sperimentata oppure impiegata come riferimento in uno studio clinico, compreso un prodotto autorizzato alla commercializzazione, qualora esso venga impiegato o formulato o confezionato in modo diverso da quello autorizzato, oppure qualora venga utilizzato per un’indicazione diversa da quella approvata, o sia impiegato allo scopo di ottenere ulteriori informazioni su di un uso approvato.

1.34 Sperimentatore
Una persona responsabile della conduzione dello studio clinico presso un centro di sperimentazione. Se uno studio viene condotto da un gruppo di persone in un centro di sperimentazione, lo Sperimentatore e il responsabile del gruppo e puo essere chiamato Sperimentatore principale. Vedi anche Aiuto-sperimentatore.

1.35 Sperimentatore / Istituzione
Espressione che indica “lo sperimentatore e/o l’istituzione, ove richiesto dalle disposizioni normative applicabili”.

1.36 Dossier per lo Sperimentatore (IB)
Una raccolta di dati clinici e non clinici, relativi al/i prodotto/i in sperimentazione, pertinenti allo studio del/i prodotto/i in sperimentazione nell’uomo (vedi 7. Dossier per lo Sperimentatore).

1.37 Rappresentante Legalmente Riconosciuto
Una persona fisica o giuridica o altro organismo autorizzato dalla legge vigente a fornire il consenso, per conto di un soggetto potenzialmente arruolabile, di partecipare ad uno studio clinico.

1.38 Monitoraggio
La supervisione dell’andamento di uno studio clinico per garantire che questo venga effettuato, registrato e relazionato in osservanza del protocollo, delle Procedure Operative Standard (SOP), della GCP e delle disposizioni normative applicabili.

1.39 Rapporto di Monitoraggio
Un rapporto scritto inviato dal responsabile del monitoraggio allo sponsor al termine di ciascuna visita al centro di studio e/o ogni altra comunicazione collegata allo studio, nel rispetto delle SOP dello sponsor.

1.40 Studio Multicentrico
Uno studio clinico effettuato seguendo un unico protocollo, ma in piu centri e per questa ragione condotto da piu sperimentatori.

1.41 Studio Non Clinico
Studi biomedici non condotti su esseri umani.

1.42 Parere (riferito a Comitato Etico Indipendente)
Il giudizio e/o i suggerimenti forniti da un Comitato Etico Indipendente (IEC).

1.43 Documentazione Medica Originale
Vedi Documenti Originali.

1.44 Protocollo
Un documento che descrive l’obiettivo, la progettazione, la metodologia, le considerazioni statistiche e l’organizzazione di uno studio. Il protocollo solitamente fornisce anche le informazioni di base e il razionale di uno studio clinico, che possono essere anche contenuti in altri documenti a cui fa riferimento il protocollo. Nella presente linea guida, il termine protocollo indica sia il protocollo che i suoi emendamenti.

1.45 Emendamento al Protocollo
Una descrizione scritta di una o piu modifiche apportate ad un protocollo, o un chiarimento formale allo stesso.

1.46 Assicurazione della Qualita (QA)
Tutte quelle azioni pianificate e sistematiche che vengono predisposte per garantire che lo studio sia condotto e che i dati siano prodotti, documentati (registrati), e comunicati nel rispetto della GCP e delle disposizioni normative applicabili.

1.47 Controllo di Qualita (QC)
Le tecniche e le attivita operative realizzate nell’ambito del sistema di assicurazione della qualita per verificare che vengano rispettati i requisiti di qualita nelle attivita relative allo studio.

1.48 Randomizzazione
La procedura secondo la quale ciascun soggetto dello studio viene assegnato ad un gruppo di trattamento o di controllo, impiegando un elemento di casualita per determinare l’assegnazione allo scopo di ridurre i pregiudizi.

1.49 Autorita Regolatorie
Organismi che hanno il potere di emanare disposizioni normative. Nella presente linea guida il termine Autorita Regolatorie si riferisce anche alle autorita che effettuano una revisione dei dati clinici dello studio e coloro che eseguono ispezioni (vedi 1.29). Talvolta ci si riferisce a questi organismi come autorita competenti.

1.50 Evento Avverso Serio (SAE) o Reazione Avversa Seria da Farmaci (Serious ADR)
Qualsiasi manifestazione clinica sfavorevole che a qualsiasi dosaggio: • sia fatale, • metta in pericolo di vita, • richieda il ricovero in ospedale oppure il suo prolungamento, • porti ad invalidita/incapacita persistente o significativa, oppure • sia un’anomalia congenita/un difetto alla nascita.

1.51 Dati Originali
Tutte le informazioni contenute nelle registrazioni originali e nelle copie certificate delle registrazioni originali di referti clinici, osservazioni, o altre attivita in uno studio clinico necessarie per la ricostruzione e la valutazione dello studio stesso. I dati originali sono contenuti nei documenti originali (registrazioni originali o copie certificate).

1.52 Documenti Originali
Documenti, dati e registrazioni originali (ad esempio, cartelle ospedaliere, registri clinici ed amministrativi, note di laboratorio, memoranda, diari dei soggetti o schede di valutazione, registrazioni della distribuzione del farmaco, dati registrati mediante strumentazione automatizzata, copie o trascrizioni certificate dopo verifica della loro aderenza all’originale, microfiches, negativi di fotografie, microfilm o supporti magnetici, radiografie, fascicoli dei soggetti, e registrazioni conservate nella farmacia, nei laboratori e nei dipartimenti medico-tecnici coinvolti nello studio clinico).

1.53 Sponsor
Un individuo, una societa, un’istituzione, oppure un’organizzazione che, sotto propria responsabilita, da inizio, gestisce, e/o finanzia uno studio clinico.

1.54 Sponsor-Sperimentatore
Un individuo che da inizio e conduce, da solo o con altri, uno studio clinico, e sotto la cui diretta responsabilita il prodotto da sperimentare viene somministrato, distribuito o utilizzato da un soggetto. Nel termine non sono comprese persone che non siano individui (ad esempio, non indica una societa o un’agenzia). Gli obblighi di uno sponsor-sperimentatore comprendono sia quelli di uno sponsor che quelli di uno sperimentatore.

1.55 Procedure Operative Standard (SOP)
Istruzioni scritte particolareggiate, il cui scopo e quello di creare uniformita nella realizzazione di una precisa funzione.

1.56 Aiuto-sperimentatore
Ogni singolo membro (ad esempio: associato, interno, ricercatore) di un team di ricerca clinica, che viene designato e supervisionato dallo sperimentatore, presso il centro di sperimentazione, per eseguire procedure di rilevanza critica per la sperimentazione e/o per prendere decisioni importanti in relazione alla sperimentazione. Vedi anche Sperimentatore.

1.57 Soggetto/Soggetto dello Studio
Un individuo che partecipa ad uno studio clinico, a cui viene somministrato il/i prodotto/i in sperimentazione oppure che fa parte del gruppo di controllo.

1.58 Codice di Identificazione del Soggetto
Un codice unico assegnato dallo sperimentatore a ciascun soggetto dello studio per tutelare l’identita del soggetto stesso e utilizzato al posto del nome del soggetto quando lo sperimentatore segnala eventi avversi e/o altri dati collegati allo studio.

1.59 Centro di Sperimentazione
Luogo/luoghi dove vengono effettivamente condotte le attivita collegate allo studio.

1.60 Reazione Avversa da Farmaci Inattesa
Una reazione avversa, la cui natura o intensita non corrispondono alle informazioni esistenti sul prodotto (per esempio, Dossier per lo Sperimentatore nel caso di un prodotto non approvato in fase di sperimentazione, oppure il foglio illustrativo/il riassunto delle caratteristiche del prodotto nel caso di un prodotto approvato).

1.61 Soggetti Vulnerabili
Individui la cui decisione di offrirsi come volontari in uno studio clinico puo essere influenzata impropriamente dall’aspettativa, sia essa giustificata o meno, di benefici legati alla partecipazione, oppure di una possibile azione di ritorsione da parte di individui gerarchicamente superiori, in caso di rifiuto a partecipare. Esempi sono gli appartenenti a gruppi strutturati gerarchicamente, quali studenti di medicina, di farmacia, di odontoiatria o della scuola per infermieri, personale subordinato di un ospedale e di un laboratorio, dipendenti di un’industria farmaceutica, membri delle forze armate, detenuti. Altri soggetti vulnerabili possono essere: pazienti affetti da malattie incurabili, persone ospitate nelle case di riposo, disoccupati o persone indigenti, pazienti in situazioni di emergenza, minoranze etniche, persone senza casa, nomadi, rifugiati, minori e persone incapaci di dare il proprio consenso.

1.62 Benessere (dei soggetti dello studio)
L’integrita fisica e mentale dei soggetti che partecipano ad uno studio clinico.