Il fabbisogno di insulina dopo l'intervento cardiaco predice il rischio di sviluppare il diabete

Il fabbisogno di insulina dopo l'intervento cardiaco predice il rischio di sviluppare il diabete

Sponsor

Lead Sponsor: Hamad Medical Corporation

Fonte Hamad Medical Corporation
Breve riassunto

L'esito del paziente in cardiochirurgia è sostanzialmente legato al verificarsi di iperglicemia. Il Qatar è al 5 ° posto nel tasso di diabete a livello globale; Inoltre i diabetici comprendono oltre il 40% dei pazienti ricoverati nel reparto di terapia intensiva di cardiochirurgia (CTICU) in Qatar heart hospital. Questa prevalenza è maggiore rispetto al resto del mondo. Questi numeri sono previsto per aumentare con accompagnata morbilità-mortalità pericolosa entro il 2030 se adeguata l'intervento non sarà diretto verso un migliore controllo della glicemia all'interno di UTI e degenza in ospedale. L'obiettivo generale di questo progetto è esplorare il profilo immunologico nei pazienti con scarso controllo glicemico all'interno della loro unità di terapia intensiva rimangono in Qatar. 'tempo in range '(TIR) ​​è stato utilizzato per definire il controllo glicemico all'interno della terapia intensiva, dove i pazienti con il tempo nell'intervallo superiore all'80%, (in presenza o in assenza di dibattiti), ha avuto risultati migliori rispetto a quelli con tempo nell'intervallo inferiore all'80% TIR. In particolare, per quanto riguarda l'infezione della ferita, lunghezze di ventilazione e ricovero in terapia intensiva; inoltre non erano candidati a episodi ipoglicemici ricorrenti. L'elevata HbA1C preoperatoria è probabilmente una valida previsione del controllo glicemico indigente. Studi precedenti hanno dimostrato la conversione dei non diabetici in diabetici quando affrontano lo stress di malattia critica. Nessuno studio precedente ha esplorato questa possibile conversione cardiochirurgica. I nostri obiettivi primari saranno determinare se i pazienti non diabetici con glicemia scarsa il controllo in cardiochirurgia svilupperebbe successivamente il diabete. Gli investigatori lo faranno seguire i pazienti non diabetici dopo 3 mesi per raggiungere questo obiettivo. Gli investigatori lo faranno includere tutti i pazienti che saranno sottoposti a cardiochirurgia nell'arco di due anni dal momento del approvazione senza evidenza di diabete come documentato dall'emoglobina glicata (HbA1C). Pazienti sarà seguito fino a un anno da indagini di laboratorio per documentare se lo faranno sviluppare il diabete o no. I dati verranno archiviati e analizzati statisticamente. Gli investigatori si aspettano per avere dettagli sulla possibile conversione in questa popolazione ad alto rischio.

Descrizione dettagliata

I pazienti critici soffrono spesso di iperglicemia acuta (un livello di glucosio nel sangue di più di 6,1 mmol / L (110 mg / dL)) e si osserva in circa il 90% dei pazienti in terapia intensiva. Inoltre, la resistenza all'insulina è prevista in oltre l'80% dei malati critici che contribuisce al problema. L'asse ipotalamo-ipofisario, simpatico adrenergico sistema e citochine proinfiammatorie circolanti incluso il fattore di necrosi tumorale alfa (TNF-α) e interleuchine modulano l'iperglicemia durante lo stress. La gravità della malattia come espresso dal punteggio di valutazione della fisiologia acuta e della salute cronica (APACHE II), lesioni la gravità, il tipo di intervento chirurgico e la scala del coma di Glasgow sono correlati alla catecolamina e al cortisolo Le catecolamine vengono rilasciate principalmente dal midollo surrenale e sono molteplici gli effetti presumibilmente dovuto all'ondata di ormoni dello stress (cardiovascolare, immunitario e metabolico) mirare al ripristino dell'omeostasi durante lo stress. Glicogenolisi eccessiva, gluconeogenesi e insulino-resistenza caratterizzano la risposta allo stress neuroendocrino. L'aumento della produzione epatica di glucosio è principalmente la ragione dell'iperglicemia da stress. Mediato attraverso il fegato l'adrenalina e la noradrenalina eccitano la gluconeogenesi e glicogenolisi; il secondo ha effetti aggiuntivi sull'aumento delle forniture di glicerolo lipolisi nel fegato. Inoltre, l'emergere di insulino-resistenza potrebbe essere dovuto al rilascio di adipochine dal tessuto adiposo durante la malattia critica. Il declassamento della trasduzione del segnale dell'insulina è associato ad un aumento del TNF-α dovuto alla fosforilazione di diverse molecole direttamente il percorso di segnalazione dell'insulina. Ridistribuzione del glucosio dai tessuti periferici verso il sistema immunitario cellule durante l'infezione potrebbero essere mediate dalla regolazione variabile del trasportatore del glucosio-1 e trasportatore del glucosio-4. I fattori che contribuiscono all'iperglicemia acuta durante la malattia critica includono il concomitante secrezione di ulteriori ormoni dello stress e l'uso di farmaci (steroidi, litio, vasopressori, inotropi e β-bloccanti) Soluzioni di glucosio per via endovenosa, sovralimentazione, Anche la nutrizione parenterale e le soluzioni antibiotiche e dialitiche accelerano l'iperglicemia. La carenza di insulina o l'ipovolemia possono anche portare a iperglicemia. Insulina periferica la resistenza potrebbe essere promossa con il riposo a letto anche senza una malattia evidente ridotto assorbimento di glucosio nei muscoli scheletrici. L'iperglicemia nei diabetici critici è un integrazione dei disordini secretori delle cellule beta pancreatiche e insulino-resistenza. Conseguenze dell'iperglicemia nei pazienti critici: in diverse popolazioni di terapia intensiva Gli svantaggi a breve termine dell'iperglicemia includono effetti sull'equilibrio dei liquidi attraverso glicosuria e successivamente disidratazione. Iperglicemia associata ad anomalie dei globuli bianchi che potrebbe compromettere la via del complemento e danneggiare la proteina mitocondriale iperglicemia, amplificazione delle vie infiammatorie, sistema immunitario innato alterato e declassamento delle funzioni endoteliali. Il flusso sanguigno periferico potrebbe essere compromesso a causa di la riduzione dell'ossido nitrico endoteliale e della reattività vascolare con l'iperglicemia l'iperglicemia aumenta la proteolisi ed è accompagnata da un alto rischio di complicanze cardiache, alterazione elettro-miocardica, compromissione emodinamica, danno renale acuto e morte. Pertanto, uno scarso esito clinico e complicanze sono associati all'iperglicemia persistenza dell'iperglicemia per un tempo più lungo distintamente associata alla pediatria risultato della popolazione espresso da morbilità e mortalità. Nelle singole popolazioni in terapia intensiva, il rischio di iperglicemia e ipoglicemia è aumentato in pazienti con sepsi. Le linee guida della campagna per la sopravvivenza della sepsi raccomandano di conservare il sangue zucchero al di sotto di 10 mmol / L. Nella terapia neuro-critica è stato osservato un miglioramento del risultato neurologico con controllo del glucosio nei pazienti, con un target glicemico meno rigoroso (7,7-10 mmol / L). L'impatto di l'iperglicemia è stata quantificata in una meta-analisi per pazienti con miocardio acuto Infarto. Nel periodo postoperatorio, il controllo intensivo del glucosio era associato a una riduzione acuta insufficienza cardiaca, infarto miocardico e morte negli interventi chirurgici vascolari. infezioni e fibrillazione atriale postoperatoria sono state osservate dopo chirurgia cardiaca con moderato controllo della glicemia. È interessante notare che in una recente revisione sistemica e meta-analisi l'iperglicemia da stress era associata ad un aumento del rischio di diabete successivo nel in condizioni critiche Nessuno studio precedente ha attraversato lo sviluppo futuro del diabete o ha subito problemi tolleranza al glucosio dopo interventi di cardiochirurgia. 1. Obiettivi Obiettivo primario: incidente di sviluppo di diabete e pre-diabete in paziente con iperglicemia da stress post-operatorio 2. Metodologia dello studio - Lo studio sarà uno studio prospettico di coorte - Gli investigatori selezioneranno il paziente senza diabete che sarà sottoposto a cardiopatia intervento chirurgico, il paziente verrà diviso in due gruppi gruppo 1) Pazienti con zucchero nel sangue incontrollato in terapia intensiva; e gruppo 2) paziente con adeguato controllo di zucchero nel sangue nelle impostazioni di terapia intensiva - La dimensione del campione sarà calcolata sulla base di studi precedenti su pazienti critici pazienti - Criteri di inclusione ed esclusione dei soggetti Criteri di inclusione: 1. Uomini adulti e donne di età superiore ai 18 anni sottoposte a cardiochirurgia, 2. Accettazione eseguire il protocollo di studio e partecipare per tutto il periodo di prova (approvazione del consenso prima della partecipazione), 3. Comprensione dei rischi e dei benefici dello studio e di aver firmato un consenso informato scritto.Criteri di esclusione: Diabetici Pazienti che si rifiutano di partecipare o che / non possono firmare informati consenso. Time in range (TIR), verrà utilizzato per definire i gruppi all'interno dello studio, è una misura di tempo in cui la glicemia rimane all'interno dell'intervallo target impostato. Il nostro gruppo afferma che è così una misura facile che potrebbe essere raggiunta senza richieste specifiche; quindi, potrebbe essere semplicemente utilizzato in qualsiasi terapia intensiva. Gli investigatori calcoleranno l'intero tempo di endovenosa infusione di insulina (A) e il tempo che rientra nell'intervallo dell'obiettivo prefissato (B) durante la somministrazione endovenosa infusione di insulina e TIR espresso come TIR = (B / A) × 100 Il nostro studio precedente lo ha dimostrato pazienti con più dell'80% del tempo nell'intervallo, indipendentemente dal fatto che avessero o meno il diabete, lo avevano risultati migliori rispetto a quelli con un intervallo di tempo inferiore all'80%, espresso dall'infezione della ferita complicanze, durata della ventilazione meccanica e durata del ricovero in terapia intensiva non erano candidati per attacchi ipoglicemici ricorrenti. (27) Fattori di misurazione dei risultati valutati all'ammissione in terapia intensiva includeranno età, sesso, etnia, storia del diabete, emoglobina glicata (HbA1C), anamnesi di ipertensione e tipo di intervento chirurgico. registrare il tempo di anestesia, il tempo di bypass cardiopolmonare (CPP), il tempo di morsetto incrociato aortico (ACC), utilizzo di inotropi e vasopressori, trasfusioni di sangue, Euro SCORE, farmaci inclusa (terapia con statine, steroidi, vasopressori e inotropi) durata della meccanica ventilazione, durata della degenza in terapia intensiva e durata della degenza ospedaliera esiti, tra cui danno renale acuto (AKI), fibrillazione atriale post-operatoria (POAF), per ogni paziente verranno segnalate infezioni nosocomiali, ictus, infezioni della ferita e morte. I dati verranno recuperati da un database consolidato Dendrite Clinical Systems® (Londra, Regno Unito). I risultati saranno confrontati in sottogruppi di diabetici e non diabetici e fattori associati con scarso controllo glicemico verranno analizzati. Risultati e follow-up Una visita ambulatoriale sarà programmata circa tre mesi dopo Dimissione dalla terapia intensiva Al momento di questa visita, gli investigatori otterranno età, BMI, vita circonferenza, dieta, esercizio fisico, storia di ipertensione e storia familiare e personale di glicemia elevata per calcolare il questionario finlandese del punteggio di rischio del diabete (FINDRISC). (28) Il test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) sarà eseguito secondo le linee guida del Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) con carico di glucosio di 75 g. Il diabete verrà diagnosticato secondo alle linee guida dell'American Diabetes Association che indicano il glucosio plasmatico a digiuno ≥126 mg / dl (7mmol / L) e / o 2 ore di glucosio plasmatico durante OGTT ≥200 mg / dl (11,1mmol / L) e / o HbA1c ≥6,5% (48 mmol / L); si nota una ridotta tolleranza al glucosio quando il glucosio plasmatico di 2 ore durante il L'OGTT è compreso tra 140-200 mg / dl (7,7-11,1 mmol / L) .Glicemia a digiuno ridotta definita come digiuno glucosio plasmatico tra 100-126 mg / dl (55,7 mmol / l). L'outcome primario sarà la percentuale di sviluppo del diabete nei non diabetici dopo cardiochirurgia L'outcome secondario sarà quello di identificare se quei pazienti che lo sono non diabetici associati ad una maggiore morbilità in termini di degenza in terapia intensiva, atriale post-operatorio fibrillazione (POAF), infezioni acquisite in ospedale e infezioni tardive delle ferite Saranno utilizzate statistiche descrittive per riassumere e determinare le caratteristiche del campione e distribuzione di vari parametri considerati relativi a demografici, segni di presentazione e sintomi, caratteristiche cliniche, misure di esito post-operatorio ecc. Il normalmente distribuito dati e risultati saranno riportati con media e deviazione standard (SD) con corrispondente Intervallo di confidenza al 95% (CI); i restanti risultati verranno riportati con mediana e intervallo interquartile (IQR). I dati di categoria saranno riassunti utilizzando le frequenze e percentuali. L'obiettivo dell'analisi dei dati in questo studio sarà determinare l'incidente dello sviluppo diabete e pre diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio. Associazioni tra due o più variabili qualitative saranno valutate utilizzando Chi-quadrato (χ2) o Fisher Test esatti, se del caso, misure di risultato quantitative tra due gruppi indipendenti lo faranno essere analizzato utilizzando t spaiato o test U Mann Whitney a seconda della normalità dei dati distribuzione. Profili di concentrazione-tempo per glicemia, insulina sierica e altri fattori correlati le misure di risultato quantitative saranno analizzate come le rispettive aree sotto la curva (AUC) dal basale a specifici punti temporali successivi al basale, con analisi tra i gruppi (normale, prediabete, diabete) eseguita mediante regressione lineare, con risultati presentati come medie del gruppo marginale (IC al 95%) e valore p associato. L'impatto di un potenziale diverso covariate e fattori saranno valutati utilizzando un modello di regressione lineare multivariata. I cambiamenti longitudinali nei dati attraverso i punti temporali saranno analizzati utilizzando un modello misto ANOVA. La relazione tra episodio di sviluppo del diabete e pre-diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio e principali fattori di rischio intrinseci ed estrinseci (predittore o fattori di rischio) saranno stimati derivando odds ratio (OR) dalla regressione logistica modello e risultati saranno presentati e riportati in odds ratio (OR) e IC 95% associato Il valore di P a due code <0,05 sarà considerato statisticamente significativo le analisi verranno effettuate utilizzando i pacchetti statistici SPSS 23.0 (SPSS Inc. Chicago, IL) ed Epi Info 2000 (Center for Disease Control and Prevention, Atlanta, Georgia, Stati Uniti di America .

Stato generale Non ancora reclutamento
Data d'inizio 2021-03-01
Data di completamento 2022-12-31
Data di completamento principale 2021-12-31
Fase N / A
Tipo di studio Interventistica
Il risultato principale
Misurare Lasso di tempo
Incidenza di sviluppare il diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio a 3 mesi
Incidenza di sviluppare il diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio a 6 mesi
Incidenza di sviluppare pre diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio a 3 mesi
Incidenza di sviluppare pre diabete in pazienti con iperglicemia da stress post-operatorio a 6 mesi
Esito secondario
Misurare Lasso di tempo
altre misure di morbilità fino a 1 anno
altre misure di morbilità fino a 1 anno
altre misure di morbilità fino a 1 anno
altre misure di morbilità fino a 1 anno
Iscrizione 100
Condizione
Intervento

Tipo di intervento: Test diagnostico

Nome intervento: Controllo dello sviluppo del diabete nel follow-up a 3 mesi

Descrizione: Una visita ambulatoriale sarà programmata circa tre mesi dopo la dimissione dall'ICU. Al momento di questa visita, otterremo età, BMI, circonferenza della vita, dieta, esercizio fisico, storia di ipertensione e storia familiare e personale di glicemia elevata per calcolare il questionario del punteggio di rischio di diabete finlandese (FINDRISC). (28) Il test di tolleranza al glucosio orale (OGTT) sarà eseguito secondo le linee guida dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) con un carico di glucosio di 75 g. Il diabete verrà diagnosticato secondo le linee guida dell'American Diabetes Association che indicano una glicemia a digiuno ≥126 mg / dl (7mmol / L) e / o 2 ore di glucosio plasmatico durante l'OGTT ≥200 mg / dl (11,1mmol / L) e / o HbA1c ≥6,5% (48 mmol / L); si nota una ridotta tolleranza al glucosio quando il glucosio plasmatico a 2 ore durante l'OGTT è compreso tra 140-200 mg / dl (7,7-11,1 mmol / l). Alterazione del glucosio a digiuno definito come glucosio plasmatico a digiuno tra 100-126 mg / dl (55,7 mmol / l). (29)

Altro nome: Controllo dello sviluppo del diabete nel follow-up a 6 mesi

Eleggibilità

Criteri:

Criterio di inclusione: 1-Pazienti adulti di età superiore ai 18 anni sottoposti a cardiochirurgia, Criteri di esclusione: 1. Diabetici. 2. Pazienti che rifiutano di partecipare o che / non possono firmare il consenso informato.

Genere: Tutti

Età minima: 18 anni

Età massima: 80 anni

Volontari sani: No

Data di verifica

2020-12-01

Parte responsabile

Genere: Sponsor

parole
Ha accesso esteso No
Numero di armi 2
Braccio di gruppo

Etichetta: pazienti con meno dell'80% del tempo nell'intervallo

Genere: Comparatore attivo

Descrizione: Migliore gruppo di controllo

Etichetta: pazienti con più dell'80% del tempo nell'intervallo

Genere: Comparatore di placebo

Descrizione: gruppo di controllo scarso

Informazioni sul design dello studio

Assegnazione: Non randomizzato

Modello di intervento: Assegnazione parallela

Descrizione del modello di intervento: Lo studio sarà uno studio prospettico di coorte Selezioneremo il paziente senza diabete che verrà sottoposto a cardiochirurgia, il paziente verrà diviso in due gruppi gruppo 1) Pazienti con glicemia incontrollata in terapia intensiva; e gruppo 2) paziente con un controllo adeguato della glicemia in terapia intensiva La dimensione del campione sarà calcolata sulla base di studi precedenti su pazienti critici

Scopo principale: Diagnostico

Mascheramento: Doppio (partecipante, valutatore dei risultati)

Fonte: ClinicalTrials.gov

Clinical Research News