Valutazione dell'impatto dell'immunosoppressione basata su tacrolimus sulla coorte di trapianto di fegato di Heidelberg (HDTACRO): protocollo di studio per uno studio prospettico non interventistico avviato dallo sperimentatore

Valutazione dell'impatto dell'immunosoppressione basata su tacrolimus sulla coorte di trapianto di fegato di Heidelberg (HDTACRO): protocollo di studio per uno studio prospettico non interventistico avviato dallo sperimentatore

Sponsor

Lead Sponsor: University Hospital Heidelberg

Fonte University Hospital Heidelberg
Breve riassunto

La moderna immunosoppressione è caratterizzata da una combinazione di diversi immunosoppressori. Di conseguenza, la dose delle singole sostanze e quindi anche i loro effetti collaterali possono essere ridotto. Immunosoppressione sulla base di inibitori della calcineurina a basso dosaggio (CNI) con potrebbero quindi prevalere livelli obiettivo CNI relativamente bassi. Nonostante tutti gli sforzi per ottimizzare il regime di trattamento dopo il trapianto di fegato da donatori deceduti, l'importo di i farmaci rimangono alti per tutto il decorso postoperatorio con i CNI come principale componente del trattamento immunosoppressivo. La principale sostanza utilizzata è Tacrolimus in combinazione con steroidi e possibilmente acido micofenolico. Tacrolimus è considerato uno stretto indice terapeutico farmaco che richiede una titolazione della dose individuale, per ottenere un equilibrio soddisfacente tra la massimizzazione dell'efficacia e la riduzione al minimo della tossicità correlata alla dose. Inoltre, trapiantato i destinatari devono rimanere a lungo in un regime terapeutico molto impegnativo. L'onere di pillole necessarie è associato a una diminuzione dell'aderenza e la mancanza di aderenza può portare a rigetto e possibilmente perdita del trapianto. Lo scopo del presente studio è valutare i livelli difficili e necessità di adattamento delle dosi nel trapianto di fegato de novo con Tacrolimus in ambito clinico routine, senza alcun intervento nel regime di trattamento.

Descrizione dettagliata

Il tacrolimus è considerato un farmaco a indice terapeutico ristretto che richiede una titolazione della dose individuale, per raggiungere un equilibrio soddisfacente tra la massimizzazione dell'efficacia e la riduzione al minimo dose-correlata tossicità. Il profilo farmacocinetico di tacrolimus è caratterizzato da un alto grado di variabilità inter e intraindividuale. Sebbene sia rapidamente assorbito, la biodisponibilità di tacrolimus nella formulazione in capsule due volte al giorno è basso e variabile, compreso tra 17 e 23%. Ciò potrebbe essere dovuto alla scarsa solubilità in acqua, all'ampio metabolismo di primo passaggio, Efflusso mediato dalla glicoproteina-p e ingestione di cibo. Le capsule di tacrolimus due volte al giorno sono anche associato a un caratteristico picco elevato dopo la somministrazione, che può essere associato con maggiore tossicità.

Inoltre, i riceventi trapiantati devono mantenere un regime terapeutico molto impegnativo per molto tempo. L'onere delle pillole necessarie è associato a una ridotta aderenza e la mancanza di aderenza può portare al rigetto e possibilmente alla perdita del trapianto.

Lo sviluppo di forme di Tacrolimus una volta al giorno senza alcun cambiamento della forma di dissoluzione ha già dimostrato di aumentare l'aderenza dei pazienti, mentre poca differenza è stata dimostrato nel profilo farmacocinetico di tacrolimus. Il profilo farmacocinetico di Tacrolimus è caratterizzato da una cinetica più piatta (cioè, meno fluttuazione e oscillazione) rispetto a Tacrolimus due volte al giorno fornendo una coerenza bilanciata tempo-concentrazione superiore a 24 ore che possono anche portare a una ridotta incidenza e / o intensità della tossicità del farmaco correlata eventi avversi. Dallo sviluppo di LCP-Tacrolimus compresse una volta al giorno, con l'uso di La tecnologia MeltDose®, i dati clinici hanno mostrato picchi più bassi e ridotti da picco a tenace fluttuazioni.

Stato generale reclutamento
Data d'inizio 22 novembre 2018
Data di completamento 30 dicembre 2021
Data di completamento principale 30 dicembre 2021
Tipo di studio Osservazionale [Registro dei pazienti]
Il risultato principale
Misurare Lasso di tempo
Il numero di aggiustamenti della dose richiesti per le formulazioni di Tacrolimus utilizzate nella routine clinica per raggiungere il livello di resistenza target Sei mesi
Esito secondario
Misurare Lasso di tempo
Tacrolimus tough level Six months
Dosaggio di tacrolimus Sei mesi
Rapporto concentrazione / dose Sei mesi
Dose cumulativa media per l'analisi dei costi Sei mesi
Test di laboratorio di routine Sei mesi
Tasso di sopravvivenza Sei mesi
L'incidenza del rigetto acuto Sei mesi
L'incidenza del nuovo trapianto Sei mesi
Adesione alla terapia dei pazienti Sei mesi
L'incidenza di infezione con necessità di ridurre l'immunosoppressione Sei mesi
Iscrizione 100
Condizione
Intervento

Tipo di intervento: Farmaco

Nome intervento: tacrolimus

Descrizione: Simile alla routine clinica, non appena un paziente è in grado di deglutire e ha una sufficiente attività gastrointestinale, verrà avviata l'immunosoppressione a base di Tacrolimus utilizzando Prograf®, Advagraf® o Envarsus®. Inoltre, verrà utilizzata l'immunosoppressione a base di inibitori della calcineurina (dose iniziale basata sul peso corporeo dei pazienti) con l'obiettivo di livelli difficili di 3-7 ng / mL nei primi sette giorni dopo il trapianto di fegato, a seconda dello stato immunitario e delle indicazioni per trapianto. Ulteriori livelli difficili saranno determinati sulla base di fattori come la storia dei pazienti e l'indicazione per il trapianto di fegato.

Etichetta del gruppo del braccio: Immunosoppressione a base di tacrolimus

Eleggibilità

Metodo di campionamento: Campione di non probabilità

Criteri:

Criterio di inclusione:

- 18

- Capacità di comprendere e firmare un modulo di consenso informato

- Operazione e terapia postoperatoria immediata all'interno del Dipartimento di Generale, Chirurgia viscerale e dei trapianti, Ospedale universitario di Heidelberg

- Trapianto di fegato de novo fino al POD 7

- Immunosoppressione dopo trapianto di fegato a base di Tacrolimus

Criteri di esclusione:

- Re-trapianto

- Infezione acuta delle vie biliari, polmonite o infezione da CMV

Genere: Tutti

Età minima: 18 anni

Età massima: 60 anni

Volontari sani: No

Contatto generale

Cognome: Arianeb Mehrabi, MD

Telefono: 004962215636223

E-mail: [email protected]

Posizione
Servizio, struttura: Stato: Contatto: Division of Visceral Transplantation, Department of General, Visceral andTransplantation Surgery, University of Heidelberg Arianeb Mehrabi, MD 004962215636223 [email protected]
Paesi di posizione

Germania

Data di verifica

Giugno 2020

Parte responsabile

Genere: Investigatore principale

Affiliazione dello sperimentatore: Ospedale universitario di Heidelberg

Nome completo dello sperimentatore: Dr. A. Mehrabi

Titolo dello sperimentatore: Professore, Capo della Divisione di Chirurgia del Fegato e Trapianto Viscerale

parole
Ha accesso esteso No
Braccio di gruppo

Etichetta: Immunosoppressione a base di tacrolimus

Descrizione: Simile alla routine clinica, non appena un paziente è in grado di deglutire e ha una sufficiente attività gastrointestinale, verrà avviata l'immunosoppressione a base di Tacrolimus utilizzando Prograf®, Advagraf® o Envarsus®.

Dati del paziente indeciso
Informazioni sul design dello studio

Modello osservazionale: Coorte

Prospettiva temporale: Prospettiva

Fonte: ClinicalTrials.gov