Educazione video al lavoro e al parto

Impatto di uno strumento di video educazione per la seconda fase del lavoro

Sponsor

Lead Sponsor: Washington University School of Medicine

Fonte Washington University School of Medicine
Breve riassunto

La seconda fase del travaglio o la fase di spinta può essere impegnativa e intimidatoria pazienti che partoriscono per la prima volta. Tra le donne con anestesia neuroassiale la spinta potrebbe non esserlo essere istintivi e quindi vengono utilizzati vari metodi di coaching per massimizzare l'espulsione materna sforzi e ridurre al minimo il tempo di spinta. Strategie ad alta intensità di tempo anche transperineale ultrasuoni e bio-feedback sono stati utilizzati per aiutare a spingere, ma sono difficili da implementare ampiamente. Mentre alcune donne possono frequentare lezioni di parto o lo sono state in precedenza istruite a spingere prima dell'inizio del travaglio, molte donne non sono in grado di accedere alle lezioni precedenti lavorare o non conservare ciò che hanno appreso durante una lezione settimane prima del travaglio. Studi precedenti hanno valutato l'effetto della spinta allenata sulla durata del secondo stadio e hanno indicato che il coaching può ridurre la seconda fase fino a 13 minuti. Nella maggior parte degli scenari clinici, il coaching o la guida dell'infermiere o del fornitore avviene una volta che il paziente è completo dilatazione. Ci sono limitazioni a questo approccio come l'attesa di allenare dopo un tempo potenzialmente lungo e il lavoro arduo non è ottimale. Pertanto, proponiamo uno studio controllato randomizzato indagare sull'uso di un video educativo durante la prima fase del travaglio della durata di la seconda fase.

Descrizione dettagliata

L'educazione al parto è fondamentale per i risultati materni. Ricevere un'istruzione formale sul Il processo di parto pone le basi per un legame ottimale madre / bambino, stato d'animo postpartum e futuro interazioni con gli operatori sanitari. Il Congresso americano di ostetricia e Tuttavia, la ginecologia raccomanda ai pazienti di frequentare corsi di parto prima del travaglio e del parto studi precedenti hanno rilevato che la frequenza è in calo con solo il 56% delle neomamme frequentando corsi di educazione al parto nel 2005 rispetto al 70% nel 2001. Sono state identificate molteplici barriere all'accesso all'educazione prenatale al parto. Tradizionalmente, le lezioni di educazione al parto sono strutturate come lezioni di persona con più sessioni per un periodo di settimane e vengono prese prima dell'inizio del travaglio. Maggior parte le lezioni di educazione al parto hanno costi di accompagnamento che vanno da $ 20 a $ 50 per l'ospedale lezioni e centinaia di dollari per lezioni private. Barriere significative hanno un impatto sui pazienti capacità di frequentare queste classi compresa la difficoltà nell'ottenere assistenza all'infanzia, finanziaria vincoli, assentarsi dal lavoro e ottenere il trasporto. Il coronavirus la pandemia ha ulteriormente peggiorato le barriere all'accesso all'educazione al parto come la maggior parte delle persone le lezioni di gruppo sono state cancellate per mancanza di fondi o necessità di allontanamento sociale. La maggior parte dell'educazione al parto si concentra inizialmente sulla preparazione al travaglio e sulla gestione del dolore fase del lavoro trascurando la seconda fase. Questa è la fase del lavoro che richiede di più coinvolgimento e impegno materno. Tra le donne con anestesia epidurale, la spinta potrebbe non esserlo istintivo e quindi, coaching e preparazione sono parte integrante del successo. L'attuale standard di cura per insegnare a un paziente come spingere è il coaching guidato dall'infermiere eseguita al capezzale immediatamente prima che il paziente inizi a spingere. A questo punto, la maggior parte i pazienti sono stanchi, ansiosi e non hanno avuto abbastanza tempo per elaborare la nuova conoscenza imparato a spingere. Un secondo stadio lungo o anormale è associato a eventi avversi esiti come parto cesareo, infezione ed emorragia. I pazienti nullipare lo sono particolarmente vulnerabile a questi esiti negativi nella seconda fase fintanto che non lo fanno sentirsi rafforzati, informati o coinvolti nelle proprie esperienze di nascita. La letteratura precedente mostra che la spinta allenata può ridurre la durata del secondo stadio fino a 13 minuti. Questo è importante poiché una seconda fase prolungata del travaglio è associata alla materna e morbilità neonatale inclusi tassi più elevati di parto cesareo, corioamnionite, trauma perineale, ammissione in terapia intensiva neonatale, sepsi neonatale e punteggio APGAR <4 a 5 minuti. Nella maggior parte scenari clinici, lo standard di cura è il coaching o la guida dell'infermiere o del fornitore una volta che il paziente raggiunge la completa dilatazione. Ci sono limitazioni a questo approccio come l'attesa allenare dopo un corso di lavoro potenzialmente lungo e faticoso non è ottimale. Mentre i medici e gli infermieri sono qualificati per istruire, potrebbero non essere universalmente disponibili per tutti i pazienti e la qualità del coaching può essere influenzata dal volume e dall'acutezza del lavoro e del parto. In teoria, l'avvento dell'educazione basata su video può essere facilmente trasferito all'ospedale affrontare questo problema e consente l'istruzione durante il travaglio una volta posizionata un'epidurale, il il paziente è a suo agio e ben prima di iniziare a spingere. La durata media del lavoro e il parto in una madre per la prima volta varia da 14 a 20 ore. Questo presenta una finestra opportuna di tempo per l'educazione al parto basata su video per ridurre le lacune nell'educazione al parto disparità e aumentare il coinvolgimento materno senza le barriere presenti nell'ambulatorio ambientazione. L'efficacia di questo nuovo modo di fornire l'educazione al parto non è stata testato. Per affrontare questo divario di qualità, proponiamo uno studio randomizzato che confronta un video intrapartum strumento di formazione per coaching standard basato su provider

Stato generale Non ancora reclutamento
Data d'inizio 2021-04-01
Data di completamento 2022-11-01
Data di completamento principale 2022-07-01
Fase N / A
Tipo di studio Interventistica
Il risultato principale
Misurare Lasso di tempo
Durata della seconda fase del lavoro consegna
Esito secondario
Misurare Lasso di tempo
Punteggi di soddisfazione sul lavoro 1 giorno (valutato tramite sondaggio prima della dimissione dall'ospedale)
Iscrizione 152
Condizione
Intervento

Tipo di intervento: Altro

Nome intervento: Video educativo sul parto

Descrizione: Video educativo che descrive le tecniche per spingere

Etichetta del gruppo del braccio: Video educativo

Eleggibilità

Criteri:

Criterio di inclusione: - Donne nullipare - Più di 18 anni di età - Singolo feto - Termine: ha completato 36 settimane di gravidanza Criteri di esclusione: - anomalie fetali - Previo parto cesareo - controindicazione a valsalva - pazienti ciechi - ammissione nella seconda fase del lavoro

Genere: Femmina

Basato sul genere:

Età minima: 18 anni

Età massima: N / A

Volontari sani: No

Contatto generale

Cognome: Rebecca R Rimsza, MD

Telefono: 314-747-2362

E-mail: [email protected]

Data di verifica

2021-02-01

Parte responsabile

Genere: Investigatore principale

Affiliazione dello sperimentatore: Washington University School of Medicine

Nome completo dello sperimentatore: Rebecca Rimsza

Titolo dello sperimentatore: Clinical Fellow

Ha accesso esteso No
Numero di armi 2
Braccio di gruppo

Etichetta: Trattamento standard

Genere: Nessun intervento

Descrizione: Coaching standard a lato del letto da parte del personale addetto al lavoro e alle consegne

Etichetta: Video educativo

Genere: Sperimentale

Descrizione: I pazienti guarderanno il video di coaching fornito oltre al coaching standard a lato del letto da parte del personale addetto al travaglio e al parto

Informazioni sul design dello studio

Assegnazione: Randomizzato

Modello di intervento: Assegnazione parallela

Scopo principale: Ricerca sui servizi sanitari

Mascheramento: Nessuno (etichetta aperta)

Fonte: ClinicalTrials.gov

Clinical Research News